Dove sarà dunque la mia gente?

Sarà difficile, ma sarà anche
Sempre più difficile
Atterrare sulle ginocchia
Mentre fa il buio
E la collina si sera,
Si annotta. Stare
In ascolto e pronto
Al dialogo, e non
Con le solite stelle
E neanche con il solito Dio
Che certo ascolta ma
Che ti individua sempre
Nel tuo sospiro ininterrotto.
Se continua così sarà
Sempre più difficile, ma sarà anche
Impossibile
Sperare che qualcuno passi
E si atterri
Pronto al dialogo
Di notte in collina
Amandoci per l’alba.
Più che gli occhi
Le orecchie
Vorrei spegnere.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s